Stampa

Questa ricerca è stata possibile consultando i tomi dei verbali esistenti nel piccolo archivio patriziale. Dal 1872 sino al 1882 sono state tre persone ad occupare lo scranno presidenziale poi fino al 1907 i cambiamenti erano all’ordine del giorno ogni biennio.
C’è però da sottolineare che sino al 1907 Daro è stato comune e soltanto in data 18 novembre il Consiglio di Stato ha sancito la fusione con Bellinzona assieme a Carasso e Ravecchia.
Il Patriziato era amministrato dal Comune e di regola il sindaco era anche il suo presidente. Soltanto nel 1906/07 quando sindaco di Daro era Teodoro Meyer (capo operaio alle Officine Federali) il presidente del patriziato era il vice sindaco. Ricordiamo così Francesco Pedruzzi nel 1906 e Giovanni Delcò nel 1907.
Nella distinta che offriamo qui di seguito precisiamo che il primo nominativo è quello del presidente ed il secondo si riferisce al segretario.